Le signorine dell’angolo della Rue d’Abbeville e della Rue de Belzunce, nel X arrondissement di Parigi, non sono … proprio male 🙂

Con la caviglia leggera e il sorriso sulle labbra, le cariatidi in pietra scolpita, che occupano lo spazio di un piano, sono liberate dal loro statuto di figure portatrici in quanto qui non sostengono niente (a differenza di tante altre cariatidi parigine) ma si accontentano semplicemente di abbellire con grazia questo immobile costruito nel 1897 da Georges Massa e decorato da Alexandre Dupuy, forse per … la debolezza dei nostri nonni per le donne dalle forme piuttosto generose 🙂

Esse si danno la mano e abbozzano (quasi) una danza: infatti verso il 1900 queste figure si liberano della loro posa statica (e se ne possono trovare diversi esempi in tutta Parigi, di cui parlerò, probabilmente, in seguito).

Questo palazzo fu reso noto da Antonin Raguenet nel numero 133 della serie “Monographies de bâtiments modernes”.

Se non fosse per questo particolare delle cariatidi, questo palazzo tutto sommato sarebbe molto convenzionale, anche se la sua facciata d’angolo, che assomiglia quasi ad una torretta, è divisa da due grandi bow-windows di pietra che si estendono su tre piani.

Questa facciata d’angolo è anche ornata da colonne i cui capitelli sporgono dal muro.

Linea 7 della metropolitana, stazione Poissonnière.