Costruita nel 1815 all’interno dell’hôtel de Châtillon e attribuita per decreto imperiale alla compagnia delle Figlie della Carità, la Cappella della Madonna della Medaglia Miracolosa, al 140 di Rue du Bac (nel VII arrondissement di Parigi), allora dedicata al Sacro Cuore di Gesù, vede svolgersi nel 1830, nel più grande segreto, degli avvenimenti eccezionali.

Suor Catherine Labouré, novizia di 24 anni, riceve tre visite della Madre di Dio “in carne e ossa”, come lei stessa dirà, per confidarle una missione: far fare una medaglia con questa invocazione:

O Maria, concepita senza peccato, prega per noi che ricorriamo a te”.

A partire dal maggio 1832, la diffusione straordinaria della medaglia, accompagnata da conversioni e miracoli, porta i fedeli a qualificarla come miracolosa.

È allora che, l’8 dicembre 1854, Pio IX definisce il dogma dell’Immacolata Concezione.

Le apparizioni di Lourdes confermeranno nel 1858 la rivelazione della pienezza di grazia in Maria.

Nel 1849 la cappella è ingrandita.

Negli anni successivi vengono apportate altre modifiche.

Nel 1930 una vera e propria ricostruzione ci lascia la cappella come noi la vediamo oggi.