Il cantiere per la costruzione dell’abbazia Sainte Geneviève, attuale Panthéon, nel V arrondissement di Parigi, ebbe un inizio difficile: i primi soldi destinati alla realizzazione di quest’opera, furono letteralmente inghiottiti per fare le fondazioni, in quanto gli operai raccontarono che, scavando, furono trovati dei pozzi scavati tredici secoli prima, all’epoca dei romani, da coloro che lavoravano l’argilla per estrarre questo materiale necessario al loro lavoro.

Bucata come … una fetta di emmental, la cima della collina Sainte Geneviève contava otto grandi pozzi profondi 25 metri e un centinaio di altri fori verticali meno profondi.

Tutti dovettero essere accuratamente tappati affinché la fondazioni potessero essere ben solide.

E questo costò molti soldi e … tempo (ben nove anni, dal 1755 al 1764).

Se vuoi approfondire di più questo argomento e scoprire tutti i segreti del Panthéon, ti consiglio di cliccare subito qui per saperne di più.