Un’altra curiosità relativa alla Place Vendôme, nel I arrondissement di Parigi, riguarda il perché della presenza di tanti gioiellieri nella piazza stessa.

La vicina Opéra, finita da Charles Garnier (1825 – 1898) nel 1874, divenne presto un … barattolo di miele, attirando come mosche i commercianti di lusso.

Apri-pista fu il primo gioielliere che si installò a Place Vendôme nel 1893, nel piano terra dell’Hôtel de Castiglione.

Giustamente egli scommise sull’Opéra per far sviluppare la prosperità del quartiere.

Altri orafi lo seguirono presto: Cartier nel 1898, Chaumet nel 1902, Van Cleef & Arpels nel 1906 e via di seguito.

Tra le due guerre mondiali se ne potevano contare almeno 25 qui a Place Vendôme.

Secondo loro la piazza era il luogo

dove si ha il sole che brilla nel miglior modo possibile e questo permette di mettere in valore le pietre nei loro cofanetti”.

Effettivamente la piazza gode di una notevole e grande luminosità: niente a che vedere con le viuzze scure e strette della Cité o del palazzo Royale dove, fino a quel momento, si trovavano le botteghe di molti artigiani gioiellieri.

Alcune insegne hanno conservato i loro laboratori dietro i negozi.

Se vuoi approfondire di più questo argomento e scoprire tutti i segreti della Place Vendôme, ti consiglio di cliccare subito qui per saperne di più.