Dall’Antichità, associato ai barbari, il blu (al contrario del bianco, del nero e del rosso) non è considerato come un colore.

È solo nell’XI secolo che fa il suo ingresso trionfale nel catalogo dei colori, ed è proprio il blu che è scelto per rappresentare il manto della Vergine Maria.

Raro, costoso e simbolo della purezza, il blu è adottati dai re capetingi di Francia per ornare il loro stendardo.

Viene, allora, associato al nazionalismo e all’armata.

Dal XVI secolo i soldati del re lo portano e la garde nationale lo conserverà.

Il blue marine è il colore della Marina francese nel 1804 mentre il blue horizon quello delle uniformi militari della prima guerra mondiale.