Durante l’assedio della Comune di Parigi, il Panthéon (che era allora una chiesa) fu usato come deposito per le armi e per le munizioni.

Nel maggio 1870 gli insorti vi installarono il loro quartier generale, al riparo dalle barricate che erano nelle strade.

Questa fortezza improvvisata tenne due giorni di fronte agli assalti dei versaillaises, prima di cedere.

Il 26 maggio 1871 il deputato e giornalista Jean Baptiste Millière, sostenitore dei comunardi, fu arrestato nella vicina Rue d’Ulm nel colmo della battaglia e fu fucilato in ginocchio sui gradini del Panthéon.

Sulle colonne, oggi, si possono … indovinare (in quanto c’è da cercarli bene bene, altrimenti non si vedono), ad altezza d’uomo, le tracce delle pallottole tappate con dell’intonaco bianco, segni di questo infame assassinio.

Se vuoi approfondire di più questo argomento e scoprire tutti i segreti del Panthéon, ti consiglio di cliccare subito qui per saperne di più.