L’assenza di marciapiedi fino al XIX secolo è il motivo principale della nascita e della popolarità dei passaggi coperti, dall’epoca del Direttorio fino al Secondo Impero: in caso di pioggia, infatti, le strade si riempivano molto velocemente di fango.

La costruzione dei passaggi risolveva questo problema: praticamente si poteva passeggiare all’asciutto!

Oggi ancora i parigini ne approfittano (in caso di pioggia ma … non solo 🙂 ): è possibile partire dal Louvre e raggiungere praticamente al coperto e al riparo dalla pioggia, la Rue de la Provence e la Rue Cadet attraverso il Palais Royal, la Rue des Colonnes (coperta) e i passaggi Panoramas, Jouffroy e Verdeau.

Il passaggio Panoramas, al numero 47, ospita la Maison Stern (incisore ed editore), un bel negozio che non è affatto cambiato dal 1830.