Una statua moderna di Sainte Geneviève, sul Pont de la Tournelle, nel IV arrondissement di Parigi, dal lato della rive gauche, ricorda che ella veglia e protegge Parigi, come una guardiana, dall’arrivo della Senna nel cuore della capitale, in particolare durante le piene del fiume.

Costruito nel 1928 sui resti di ponti di legno crollati e di uno in pietra reso instabile dalla grande piena del 1910, il pont de la Tournelle (che collega l’île Saint Louis al Quai de la Tournelle) prende il suo nome da un’antica torre del muro di recinzione che Philippe Auguste (1165 – 1223) innalzò da questa parte della rive gauche alla fine del XII secolo.

Il progetto, per sottolineare l’asimmetria del ponte che segue le forme della Senna, prevedeva di elevare sul pilone sud (di circa 15 metri di altezza) un piedistallo sormontato da una statua di Sainte Geneviève di 25 tonnellate, un’opera (stilizzata, ieratica, nello spirito dell’Art déco degli anni 1925-1930) affidata a Paul Landowski (1875 – 1961), scultore francese che realizzerà, qualche anno più tardi, una delle statue più conosciute al mondo: il Cristo Redentore di Rio de Janeiro.

Quando il progetto del ponte era stato approvato, Landowski rimise in questione l’orientazione di Sainte Geneviève: egli infatti avrebbe preferito che la santa guardasse Notre Dame ma, alla fine di lunghe trattative, fu realizzato il progetto iniziale (tanto che l’artista non partecipò all’inaugurazione del ponte, il 27 agosto 1928).

La scultura rappresenta Geneviève che tiene le sue mani protettrici sulle spalle di una bambina (che rappresenta Parigi) e la avvolge col suo mantello; a sua volta la bambina protegge una nave, simbolo storico della capitale, tenendola tra le sue braccia (“Le pieghe del mantello si sposano con gli angoli del pilone e, nella mia opera, nessun gesto, nessun movimento rompe questo bel movimento verso il cielo”, dice lo scultore).

È per questo motivo che la statua di Sainte Geneviève guarda ad est (dando le spalle a Notre Dame), in direzione delle truppe di Attila che non passarono per Parigi.

Forse la statua di Sainte Geneviève è stata messa qui perché in questo posto potrebbe essere stata deposta la cassa della santa prima del suo trasferimento alla chiesa Saint Étienne du Mont.

Metro 7, fermata Sully-Morland