… dove andare e cosa fare?

Beh, sicuramente ci si può mettere all’ombra e scoprire le viuzze piene di verde come ad esempio la Villa Santos-Dumont (nel XV arrondissement), la villa Hallé (nel XIV arrondissement) o, ancora, alla Cité florale (nel XIII arrondissement).

Possiamo poi andare a scoprire i parchi, come ad esempio il Parc de Bagatelle (nel XVI arrondissement), i grandi parchi di Boulogne (sempre nel XVI arrondissement) e di Vincennes (nel XII arrondissement): qui basta stendersi sull’erba e dimenticarsi che … si è in città.

Si può, poi, dirigersi verso … l’acqua, prima di tutto a bordo Senna, certo, ma anche sul canale l’Ourq (nel XIX arrondissement) o sul Canale Saint Martin (a cavallo tra il X e il XI arrondissements).

Per quanto riguarda le fontane, normalmente è vietato bagnarsi in esse ma le multe sono rare.

Volendo restare … in regola, esistono degli spazi dove ci sono dei getti d’acqua messi a nostra disposizione, come, ad esempio, nel parco André Citroën (nel XV arrondissement) con i suoi 72 getti d’acqua, la Place de la République (a cavallo tra il III, il X e l’XI arrondissements) con dei nebulizzatori sul suolo.

La stessa cosa la troviamo nel parco Martin Luther King (nel XVII arrondissement) o nel parco Rives de Seine (nel IV arrondissement).

Se invece vogliamo andare in un posto chiuso, possiamo approfittare dei musei che sono sempre molto utili, sia in caso di grande caldo ma anche … quando piove 🙂

Possiamo poi andare al cinema dove, di solito, c’è l’aria condizionata.

Infine, ma non ultimo, possiamo rifugiarci nelle catacombe (nel XIV arrondissement), dove la temperatura è intorno ai 15 gradi, o approfittare per visitare le numerose chiese che si trovano a Parigi.