Ogni anno si sente parlare dei Saints de glace (che possiamo tradurre in italiano con Santi di ghiaccio).

I Saints de glace corrispondono, secondo una credenza popolare che risale al Medio Eco, ad un periodo di tre giorni, a maggio, durante i quali il rischio del freddo e delle gelate è particolarmente importante.

Questi tre santi sono:

  • San Mamerto, l’11 maggio
  • San Pancrazio, il 12 maggio
  • San Servazio, il 13 maggio,

anche se oggi il calendario festeggia altri tre santi in questi giorni (Sainte Estelle l’11, Saint Achille il 12 e Sainte Rolande il 13).

Ma perché questo fenomeno ?

Perché le statistiche meteorologiche dicono che il rischio di gelate è più importante durante questi tre giorni rispetto al periodo precedente e a quello successivo: a maggio si può osservare la discesa di aria fredda sulla Francia e quando questo coincide con un periodo anticiclonico si ha un cielo sereno, soprattutto di notte.

Le temperature notturne, allora, possono scendere molto velocemente e portare delle gelate mentre le giornate sono miti grazie al bel tempo e al sole.

I giardinieri, ad esempio, spesso aspettano che i Saints de glace siano passati per piantare le piante da esterno.

(L’immagine che ho inserito all’inizio di questo articolo l’ho trovato su questo sito).