L’area centrale di Square Louis XIII, a Place des Vosges (nel IV arrondissement di Parigi), in origine vuota e sabbiosa, fu utilizzata inizialmente per giochi equestri e tornei.

Vi si svolgevano anche numerosi duelli, nonostante fossero stati emanati diversi editti di divieto.

Pensando di scoraggiare i duellanti, le autorità misero, nel 1639, al centro del terre-plein, la statua di Louis XIII e il terreno spoglio e sabbioso fu trasformato in prato.

Nel 1685 gli aristocratici proprietari degli appartamenti di Place des Vosges, si autotassarono per far fare e istallare una sfarzosa griglia in ferro battuto e dorato intorno al giardino centrale, con due porte monumentali a nord e a sud di cui ogni proprietario aveva la chiave (diventando così uno spazio privato).

Sotto la Rivoluzione, la griglia scatenò i … desideri più sfrenati dei sanculotti, avidi di appropriarsi delle punte dorate.

Essa tuttavia fu salvata da ogni razzia grazie alla presenza di un deposito di equipaggiamento militare all’interno del giardino stesso, cosa che distolse l’attenzione dei rivoluzionari facendo loro cambiare idea.

Quindi essa fu … salvata in extremis ma non per molto!

Non si sa perché, nonostante le proteste dei residenti (Victor Hugo in testa), Louis Philippe (1773 – 1850) fece abbattere la griglia che fu sostituita, dal 1839, con una in bronzo molto semplice (quella che possiamo vedere oggi e che trovi nella foto all’inizio di questo articolo) che non ha nulla a che vedere con il capolavoro in ferro battuto del XVII e XVIII secolo.

Se vuoi approfondire di più questo argomento e scoprire tutti i segreti della Place des Vosges, ti consiglio di cliccare subito qui per saperne di più.