Il tipo di disposizione più ricorrente della rete metropolitana di Parigi è sicuramente la stazione classica con due binari, inseriti tra due marciapiedi, che vanno nelle direzioni opposte.

Alcune stazioni, però, si presentano in modo diverso.

Si trova a volte un solo marciapiedi laterale e un solo binario a direzione unica o un solo marciapiede tra due binari che vanno nella stessa direzione.

Qualche altra stazione ha un terzo binario al centro, altre ancora hanno due marciapiedi e un terzo binario laterale, altre quattro binari e due marciapiedi e così via.

In tutto questo, le stazioni dei capolinea hanno delle installazioni più importanti rispetto alle stazioni di semplice passaggio, anche se oggi le tecniche moderne permettono, qualora una determinata linea venga prolungata nelle città della periferia parigina, di fare dei capolinea più semplici.

I capolinea più imponenti, vere e proprie cattedrali sotterranee, nella maggior parte dei casi, sono vecchie stazioni, soprattutto dell’epoca tra le due guerre, quando la metropolitana di fermava alle porte di Parigi.

La stazione Porte de Montreuil ad esempio, ex-capolinea della linea 9, ha la più grande volta della metropolitana parigina, con i suoi 22,50 metri d’apertura.

La stazione Porte de Saint Cloud, sempre sulla linea 9, con i suoi quattro binari e tre marciapiedi, è quella che combina il maggior numero di elementi sotto una sola volta, prima di prolungarsi in direzione dell’ovest in un vero e proprio dedalo di binari di garage nel tunnel.