La Place Dauphine (nel I arrondissement di Parigi), seconda delle cinque piazze reali di Parigi (le altre quattro sono la Place des Vosges degi inizi del 1600, la Place des Victoires del 1686, la Place Vendôme del 1699 e la Place de la Concorde del 1772), fu costruita nel 1607 e deve il suo nome al Dauphin, il futuro Louis XIII.

In origine furono costruite trentadue abitazioni dallo stile identico: due piani in pietra bianca con mattoni e attici in ardesia.

Al piano terra si potevano ammirare delle arcate.

Le facciate erano tutte identiche sia dalla parte della Place Dauphine che all’esterno, sulle rive della Senna e verso dell’île de la Cité.

In questo decoro, nel XVIII secolo, per sessanta giorni dopo la Pasqua, si teneva un’esposizione libera di pittura all’angolo tra la piazza e il Pont Neuf.

Per molto tempo, comunque, la Place Duaphine fu una piazza riservata al cambio e alla borsa, dove orefici, ottici e incisori avevano le loro botteghe.

Il suo carattere iniziale è molto cambiato dalla soppressione della Rue de Harlay e la rimozione di una fontana monumentale, ornata dal busto del generale Louis Charles Antoine Desaix (1768 – 1800, generale dell’impero morto durante la battaglia di Marengo, in Piemonte), eretta nel 1803.

Quello che è rimasto intatto è la calma: la triangolarità della piazza fa sì che i muri delle case sono protezioni efficaci contro i rumori della città.

Oggi la piazza, nascosta da abitazioni piene di charme e a cui si accede dalla brevissima Rue Henri Robert, accoglie numerose gallerie d’arte e piccoli ristoranti o bar, cosa che assicura una certa frequentazione ma senza la grande folla.

Essa è talmente particolare, che spesso qui vengono girati film e serie televisive.

Se vuoi approfondire di più questo argomento e scoprire tutti i segreti della Place Dauphine, lo Square du Vert Galant e il Pont Neuf, ti consiglio di cliccare subito qui per saperne di più.