La Rue du Chasse Midy, diventata Rue du Cherche Midi, si chiama così perché partiva dall’Hôtel de la Chasse (Rue du Dragon) e andava verso il sud.

Nel XVII secolo una locanda al numero 19 si riconosceva per un’insegna in cui figurava un astronomo che misurava i gradi di una meridiana.

Aveva un compasso le cui punte erano poste sul mezzogiorno e sulle 14:00, allusione diretta all’espressione popolare che affonda le sue radici nel XV secolo, nel modo di contare le ore: la prima seguiva il tramonto e le altre si succedevano, fino a 24.

In questo modo a mezzogiorno (midi in francese), anche quando i giorni erano molto lunghi, non si contava al di là delle 14:00.

L’insegna della locanda Au Cherche Midi fu sostituita nel 1874 con il bassorilievo che vedi qui sopra, riproduzione fatta nel XVIII secolo di quella esistente nel 1675, cioè posteriormente al nome che già aveva la via che per questo non può derivare da questa leggenda.

Questa insegna, un medaglione scolpito con una scena di un fabbricante di meridiane che ne porta una in mano, è iscritta all’inventario dei monumenti storici.

Essa è solo decorativa, non indica l’ora e non è illuminata dai raggi di sole.

Metro 10 e 12, fermata Sèvres Babylone